È possibile catturare la bellezza e l’autenticità della natura, indossarla e accarezzarla? Sì, se ci si affidai ai manufatti di Stampalatura

Anche quando non si può viaggiare, quando non si può godere della natura e delle sue bellezze in totale libertà può capitare di fare degli incontri piacevoli. La scoperta del progetto Stampalanatura è stata del tutto casuale e sin da subito abbiamo avuto la sensazione che dietro questo già di suo interessante nome avremmo trovato un progetto che coniuga con estrema spontaneità una storia femminile, un territorio “plurale”, l’attenzione per le risorse e, ovviamente, la bellezza della natura.

Come in ogni storia che vi proponiamo le protagoniste sono le donne: Mafalda e Marzia, sorridenti e disponibili. 

Mafalda ha origini campane, ha un passato professionale nel settore turistico alberghiero, è appassionata di lingue straniere e, proprio il suo percorso la porta ad essere aperta e predisposta ai rapporti sia personali che professionali. È mamma di due bimbe e dopo varie esperienze e vari traslochi, ha deciso con la famiglia di approdare in Puglia, una scelta di vita “lenta” che coniugasse le esigenze personali e familiari. 

Foto di Marzia e Mafalda: @nicole_depergola

Marzia ha origini venete, una formazione artistica (ha studiato scenografia all’Accademia delle Belle Arti di Venezia) e un interessante trascorso nel teatro: ha realizzato burattini, marionette e sagome del teatro d’ombra di ogni forma e dimensione e accumulato esperienza con molteplici materiali. È arrivata a Brindisi per il tramite di una compagnia di teatro e ambiente che inscenava uno spettacolo improntato sul tema della natura.

A fare incontrare Mafalda e Marzia è stato un laboratorio artistico per bambini organizzato nell’ambito del Ceglie Food festival, una manifestazione che da anni è motivo di incontro tra gastronomia, turismo, imprenditorialità locale e arte. Il festival fonde tipicità, eccellenze e contaminazioni e pone al centro di tutto, i prodotti e la salvaguardia della biodiversità.  

La sensibilità di Mafalda e di Marzia, i bagagli di esperienze gli interessi che ciascuna si portava dietro ha fatto del loro incontro un amore a prima vista. Da allora non si sono più lasciate e passo dopo passo, animate dalla passione e da tanta determinazione si sono cimentate nell’avventura di Stampalanatura.

Abbiamo incontrato Marzia e Mafalda nel salotto di casa nostra, ognuna comodamente sul proprio divano in un pomeriggio di sole davanti allo schermo del nostro smartphone tra sorrisi, tanta stima e curiosità. 

Foto tovaglietta: @studio.factory18

Cos’è Stampalanatura?

Stampalanatura è un progetto di stampe botaniche artigianali: è un omaggio alla bellezza del paesaggio che vuole creare allora stesso tempo relazioni tra le persone e con il territorio. Raccogliamo personalmente le foglie e i fiori che stampiamo a mano dopo la catalogazione floristica. La stampa consente di immortalare per sempre l’esperienza di una passeggiata in un campo e la bellezza degli elementi naturali; chiunque in questo modo può viverne l’essenza e replicarla nel tempo e nello spazio.

Stampalanatura mediante il processo di stampa artigianale cattura la bellezza e l’unicità della natura e allo stesso tempo rimette in circolo gli elementi naturali e da nuova vita a residui organici. Ci raccontate dei colori e dei materiali che usate per le vostre stampe?

Ogni stampa è realizzata a mano facendo uso di inchiostri 100% naturali che utilizzano pigmenti estratti da radici, legno, fusto, foglie, fiori e piante officinali tintorie. 

La stampa è realizzata su carta ecologica riciclata e fatta a mano o tessuti naturali. In particolare, utilizziamo due tipologie di carta: la carta pregiata di Amalfi è ottenuta dal cotone macerato secondo l’antica pratica che gli Amalfitani appresero dagli Arabi intorno al XII secolo per rispondere all’esigenza di annotare su una superficie più comoda della pergamena le numerose transazioni che chiudevano nei porti del Mediterraneo. Sebbene gli utensili adoperati si siano evoluti nel tempo per agevolare il lavoro manuale, ancora oggi come allora la carta Amalfi è ottenuta da stracci di cotone lasciati macerare fino a ottenere una pasta che, spianata sapientemente su telai e lasciata poi essiccare, si trasforma in pregiata carta. 

La carta della linea Crush è realizzata con sottoprodotti di lavorazioni agro-industriali che sostituiscono fino al 15% della cellulosa proveniente da albero. La carta è ottenuta dai residui agro industriali di mais, kiwi, uva, mandorle e numerose altre tipologie di frutta fresca che vengono purificati, micronizzati e miscelati con cellulosa vergine e fibre riciclate post consumo certificate FSC, utilizzando elettricità idroelettrica autoprodotta. Il risultato è una carta sorprendente che nel colore e nella consistenza conserva le proprietà delle materie da cui è ottenuta.

La stessa attenzione riservata alla scelta della carta la poniamo nella selezione dei tessuti. Realizziamo stampe su lino e cotone, preoccupandoci di reperire tessuti versatili, sostenibili e resistenti, nel pieno rispetto dell’ambiente e del lavoro umano.

Non avete trascurato proprio nessun dettaglio! In che modo le vostre produzioni artigianali contribuiscono a diffondere la bellezza della natura?

Stampiamo le foglie delle piante e i fiori del territorio che abitiamo o che visitiamo senza alcuna distinzione, facendoci guidare solo dalla carica attrattiva della natura. Ci capita spesso di raccogliere da terra una foglia, di scorgere nella sua forma “imperfetta” tutto il suo fascino e di sceglierla per le nostre produzioni. Ogni stampa replica le molteplici forme che la natura assume, ogni manufatto è a sua volta un pezzo unico, originale che non ha eguali per forma, colore, intensità. Alle stampe botaniche vengono abbinati i nomi scientifici delle specie scelte mediante l’utilizzo di timbri in legno realizzati allo scopo. In questo modo chi acquista i nostri manufatti compie una scelta consapevole: nessuna tovaglietta, nessuna partecipazione, nessun biglietto sarà identico a un altro esattamente come gli elementi in natura. Il nome scientifico abbinato alle stampe aiuta nel processo di conoscenza profonda del territorio e della sua biodiversità.

Il rapporto con il territorio tuttavia non si esaurisce solo nel rapporto con le risorse naturali ma abbraccia e coinvolge chi lo abita. Stampalanatura è un progetto totalmente inclusivo, nel vostro lavoro tanta attenzione è rivolta anche alle persone, diteci qualcosa di più …

Poniamo attenzione alle persone nella selezione dei nostri collaboratori.  Lavoriamo con artigiani e artisti che donano ai manufatti una singolare unicità: sarte locali confezionano alcuni prodotti delle nostre collezioni, un laboratorio sociale crea le nuove cornici con legno di recupero, una calligrafa mette a disposizione l’arte della scrittura a mano nella realizzazione delle partecipazioni.

Alcune creazioni sono realizzate in collaborazione con I Portatori di Gioia: si tratta di un’associazione di promozione sociale pugliese di Ceglie Messapica, una ensamble musicale e di comunità che coinvolge persone adulte, associazioni, centri sociali polivalenti per diversamente abili e ospiti di strutture socio-sanitario-assistenziale destinata ad accogliere persone con difficoltà psicosociali e pazienti psichiatrici. In questo modo chi acquista i nostri manufatti contribuisce a investire in attività laboratoriali per persone in difficoltà che tramite l’arte, la musica e il canto possano sentirsi parte viva di una comunità. Chi si rivolge a noi e sceglie un nostro manufatto compie una scelta consapevole ma anche solidale. Solitamente tendiamo a tenere “nascosto” questo aspetto, a comunicarlo a scelta fatta; ci piace pensare che chi si sceglie i nostri manufatti, sposi l’amore per l’altro in maniera spontanea e non per accreditarsi nella società. 

Il rapporto con il territorio è il filo rosso che unisce la storia del progetto con le vostre storie e va ben oltre i confini pugliesi …

Il territorio è innanzitutto rappresentato dalle foglie e dai fiori che stampiamo ma anche dai materiali che scegliamo per le nostre creazioni. L’inchiostro viene dal laboratorio Fantuzzi Colori vegetali di Marco Fantuzzi, produttore artigianale di colori naturali per l’arte che avvia la sua attività di ricerca nel 2005 con la collaborazione con il Museo dei Colori Naturali di Lamoli (PU) e nel 2011 fonda a Lecce il suo laboratorio. 

La carta Amalfi come anticipa il nome viene da Amalfi, città di origine da cui Mafalda un giorno è partita per approdare in Puglia scegliendo per sé e per la famiglia una vita nuova. La carta della linea Crush connette con il Veneto e rivela le origini di Marzia arrivata in Puglia dopo un viaggio attraverso l’arte della scenografia e del teatro. 

La base dell’attività è la Puglia, il territorio che raccontiamo non ha confini e accoglie tutti.

Chi si rivolge a voi? Chi sceglie le vostre creazioni? Avete notato un’evoluzione verso la consapevolezza nelle scelte dei consumatori?

Chi sceglie di rivolgersi a noi per realizzare le partecipazioni o le bomboniere del proprio matrimonio o per acquistare un capo di abbigliamento artigianale, sicuramente ha fatto già una scelta consapevole, condivide la nostra cura nella selezione dei materiali e il rispetto per l’ambiente. Sempre più persone fanno scelte di questo tipo ma siamo ancora lontani dal poter dire che siamo a un punto di svolta, il consumo consapevole implica anche un impiego di risorse economiche diverso, che ripaghi l’artigianalità e l’originalità dei manufatti, l’utilizzo di materie prime ottenute secondo lavorazioni manuali e la maestranza. Siamo sommersi di capi di abbigliamento accessibili con pochi euro, fino a quando non saremo pienamente consapevoli degli elementi che concorrono al valore di quei capi, le scelte etiche resteranno di nicchia. Noi non ci perdiamo d’animo e continuiamo a veicolare il nostro messaggio.

Noi ci siamo innamorate delle creazioni di Mafalda e Marzia, dei messaggi autentici che comunicano. Per chi volesse saperne di più, vi invitiamo a consultare il loro sito:

stampalanatura.com

e a visitare le loro pagine social 

Facebook: @StampaLaNatura

Instagram: @stampalanatura 

Resterete colpiti da tanta bellezza e vi verrà voglia di circondarvene subito!