Henri Cartier-Bresson diceva: “Ogni volta che premo il pulsante dello scatto, è come se conservassi ciò che sta per sparire.” È questo il compito della fotografia: rendere immortale qualsiasi momento. Creare un ricordo, permettergli di continuare a proiettarsi nel futuro, donandoci la possibilità di viaggiare nel tempo e nello spazio, spesso, semplicemente, senza neppure muoverci dal divano di casa.

Ecco ciò che fa Photography for Future: raccoglie splendidi scatti provenienti da tutto il mondo e fa in modo che la loro storia non si fermi nelle mani del possessore, ma prosegua il cammino, fino ad arrivare alla foresta atlantica del Brasile. Ed oltre. Sì, perché per ogni foto acquistata, vengono piantati fino ad ottanta alberi. Cosa significa tutto ciò? Significa non solo aiutare l’ambiente, ma anche dare una nuova opportunità a chi, proprio in quel frammento di terra, ha costruito una vita.

Cominciamo con una domanda di rito: com’è nata l’idea di Photography for Future? Chi sta dietro questa lodevole iniziativa?

PFF è nata nel proprio nel 2020, sebbene siano tante le difficoltà che una piccola realtà può incontrare durante un’emergenza sanitaria. La missione è nata da Paige, la nostra fondatrice statunitense residente a Milano da molti anni. Paige ha sempre avuto una forte passione per l’ambiente e per la fotografia. Dopo aver lavorato molti anni in diverse no-profit, ha deciso di avviare la sua organizzazione e sviluppare le sue passioni. Dopo solo pochi mesi, Photography for Future è divenuto un piccolo team di giovani donne con a cuore la stessa causa e la stessa grinta di Paige.

Perché scegliere la fotografia come mezzo per perseguire un obiettivo così ambizioso e veicolare, contemporaneamente, un messaggio tanto importante?

Abbiamo deciso di basare la nostra start up sulla fotografia in quanto è un mezzo molto efficace per mostrare la bellezza, ma al tempo stesso la vulnerabilità della natura, della fauna e delle bellezze in giro per il mondo. Attraverso la fotografia riusciamo a trasmettere un messaggio forte a chi la sta guardando e fare in modo che questo possa rimanere impresso. Inoltre, le nostre foto sono perfette per uffici, studi o ambienti casalinghi, all’interno dei quali, chi l’ha acquistata, può godersi una bellissima visione, senza mai dimenticare la missione che sta dietro ad essa.

Stepwell - Photography for Future

Proteggere la biodiversità e gestire responsabilmente le foreste è uno degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. In cosa consiste e come è articolata la vostra missione?

Photography for Future ha deciso di sostenere i progetti di riforestazione nella foresta atlantica del Brasile in quanto al giorno d’oggi il 93% della sua superficie originaria è stato distrutto, soprattutto a causa della produzione di soia. Tuttavia, quest’area verde riceve meno attenzioni rispetto alla foresta amazzonica, la quale ha subìto al tempo stesso gravi danni. La foresta atlantica del Brasile è un hotspot per la biodiversità ed è uno dei corridoi faunistici più importanti. La gravità della situazione necessità di misure urgenti. Piantando alberi non solo aiutiamo la foresta a ri-estendere la sua superficie ma contribuiamo alla mitigazione dei cambiamenti climatici, riduciamo l’inquinamento e assicuriamo acque più pulite, necessarie come mezzi di sostentamento per le popolazioni locali e la fauna.

La scelta di una galleria online è stata dettata dall’attuale emergenza CoVid-19 o avevate già deciso di operare in questo modo?

PFF è nata durante la pandemia, per questo motivo una galleria d’arte online è stata la soluzione pensata per arrivare nelle case degli italiani. Tuttavia, la galleria non vuole limitarsi all’Italia. Sebbene sia stata fondata a Milano e il suo team risieda qui, siamo un mix di nazionalità, dagli US al Cile, alla Italia. Inoltre, la crisi del Brasile non è un tema urgente solo in Italia, ma in tutto il mondo, per questo la scelta di una galleria online permette di trasmettere il messaggio in ogni paese e dare la possibilità di donare/acquistare una foto indipendentemente da dove si vive.

Deer in the fog - Photography for Future

Le foto presenti nella vostra galleria provengono da tutto il mondo e sono suddivise in tre categorie: Wildlife, Nature e Culture. Vi occupate voi stessi della selezione o sono i fotografi in prima persona a scegliere di inviarvi i loro scatti?

Grazie al lavoro del nostro team, abbiamo trovato diversi fotografi, tra cui alcuni che collaborano con il National Geographic, i quali hanno deciso di sostenere la nostra causa e hanno donato le proprie foto. Le immagini ritraggono principalmente animali e paesaggi che evocano un senso di tranquillità e serenità, ma che al tempo stesso mostrano la vulnerabilità e bellezza di ciò che viene ritratto. I fotografi condividono con noi alcune delle loro fotografie che ritengono siano adatte al nostro progetto e successivamente il team di PFF ne seleziona alcune da utilizzare per la missione.

WeForest è una splendida realtà che collabora con ONG e organizzazioni locali per sviluppare progetti di riforestazione. In che modo siete entrati a contatto con questa organizzazione? Cosa significa unire le forze ed agire insieme per uno scopo comune?

Con l’aiuto del nostro partner WeForest siamo in grado di distribuire la maggior quantità di fondi per sostenere direttamente il progetto di riforestazione. Abbiamo deciso di lavorare con WeForest per le loro efficienza ed efficacia nella riabilitazione della foresta e, al tempo stesso, il loro coinvolgimento con le comunità locali risiedenti nella foresta. La chiave per la preservazione sta nel mettere le persone al centro della soluzione attraverso programmi che promuovono la sanità, educazione, sicurezza lavorativa e crescita sostenibile. Questo è un fattore critico al quale sia WeForest che Photography for Future crede molto. Un’azione urgente è necessaria per proteggere la biodiversità del pianeta e il mezzo più forte per farlo è unire le nostre forze per arrivare al successo.

Amore fraterno - Photography for Future

Proviamo a scattare una fotografia rivolta al futuro. Come vedete il vostro progetto? In che modo potrebbe evolvere? Avete sogni e speranze custodite ancora nei cassetti?


Il nostro desiderio è di espandere la galleria e avere anche una presenza fisica a Milano, mantenendo sempre anche il format online. È prevista una mostra informativa in uno spazio a Milano nella primavera del 2021. La mostra si impegnerà a mettere in luce la gravità della deforestazione, gli effetti sul scala globale, e presentare il fenomeno come chiaramente collegato alla nostra vita quotidiana in Europa. La mostra farà uso di potenti strumenti visivi, dichiarazioni di artisti e “short talks” da parte di esperti italiani in materia di cambiamenti climatici. Ci piacerebbe collaborare con le scuole, ma anche con persone di ogni età, in modo da creare una comunità che ruota intorno all’idea di sostenibilità e attivismo artistico.

Di seguito qualche link utile per conoscere meglio PFF:

Sito: https://www.photographyforfuture.com/

Facebook: https://www.facebook.com/photographyforfuture/

Instagram: https://www.instagram.com/photography_for_future/