Camilla è una giovane donna che ha scelto di ritornare a Roma dopo gli studi e fondare “Il Laboratorio Sostenibile”, tra i quartieri Quadraro e Torpignattara.

“Il progetto Laboratorio Sostenibile“- spiega Camilla – “vuole approfondire tutte quelle tematiche legate ai concetti di sostenibilità e sviluppo sostenibile, e contribuire così alla creazione di una comunità consapevole ed attivamente responsabile. Attuare pratiche sostenibili, infatti, è innanzitutto una scelta personale, che richiede di includere nelle proprie abitudini, comportamenti volti alla salvaguardia ambientale, nel rispetto della parità sociale e di una crescita economica inclusiva.”

L’associazione è nella sua fase iniziale e sta producendo pannolini e assorbenti lavabili. La mutandina – come potete leggere nel sito del Laboratorio Sostenibile di Camilla – è composta da uno strato esterno in PUL, materiale traspirante e impermeabile, ed uno strato interno in morbido micropile, tessuto ideale per il contatto prolungato con la pelle bagnata grazie alla sua rapida asciugatura. Entrambi i tessuti sono prodotti in Europa.

“L’azienda da cui abbiamo scelto di fornirci è stata premiata con il marchio Finnish Allergy and Asthma Federation’s Allergy, il che significa che sono prodotti perfetti per i bambini più sensibili e soggetti ad allergie ed asma. Gli inserti assorbenti sono invece realizzati in canapa e cotone biologico, tessuti naturali dalla straordinaria assorbenza. Il nostro fornitore è italiano ed i suoi prodotti di base sono certificati Oeko Tex. Il velcro aiuta a regolare la larghezza della mutandina. È morbido e non tende ad attirare fili né ad attaccarsi ad altri capi.
I bottoni aiutano a regolare la lunghezza della mutandina.”

Pannolini lavabili - Laboratorio sostenibile

Con Camilla, ho deciso di concentrarmi sulla produzione dei pannolini e le ho posto alcune domande.

Qual è l’impatto ambientale dei pannolini lavabili?

I pannolini usa e getta rappresentano il terzo rifiuto più comune nelle discariche di tutto il mondo ed ognuno di essi impiega dai 250 ai 500 anni per decomporsi, senza mai degradarsi completamente vista la loro composizione in materiali sintetici.

Questo impatto altamente negativo può essere eliminato tramite l’uso dei pannolini lavabili che, se lavati ed utilizzati correttamente, possono durare molti anni ed accompagnare diversi bambini nella loro crescita.
Molti si chiedono se il lavaggio dei pannolini non comporti comunque uno spreco di acqua ed energia massiccio, ma questo, seppur presente, secondo vari studi sull’argomento non sarà mai equivalente all’energia utilizzata per la produzione di usa e getta unita alle loro lunghissime tempistiche di smaltimento.

Inoltre, lo scambio di pannolini lavabili tra famiglie non è pratica inusuale. Esistono
pannolinoteche apposite che, tramite il noleggio dei lavabili, riescono a ridurre ulteriormente l’impatto che il costo di un pannolino nuovo ha sull’intero ecosistema.

Materiale pannolini lavabili

Nel 2000, GreenPeace ha pubblicato un rapporto nel quale venivano svelati i pericoli dei veleni contenuti nei pannolini usa e getta. La salute del bambino è dunque tutelata maggiormente con l’utilizzo di pannolini lavabili rispetto all’alternativa usa e getta?

La scelta di pannolini lavabili offre la possibilità di scegliere il materiale a contatto con la pelle del bambino, cosa non possibile quando si sceglie di utilizzare gli usa e getta. Inoltre, come affermato da diversi fisioterapisti che si occupano della materia, i pannolini lavabili non risultano essere più ingombranti dei corrispettivi usa e getta anche se a volte possono sembrarlo: la posizione ad anche aperte e ginocchia flesse è la posizione fisiologica dei bambini piccoli, quindi assolutamente non nociva. A questo si aggiunge anche il fatto, confermato da molte ricerche, che in media i bambini abituati all’uso dei pannolini lavabili iniziano ad usare il vasino in tempi più brevi.

Quanto si risparmia economicamente con l’utilizzo del pannolino lavabile?

Seppur evidente, è difficile calcolare il risparmio esatto che l’utilizzo dei lavabili comporta ad ogni singola famiglia. Le esigenze ed abitudini di ogni bambino variano considerevolmente, influendo sul tipo e quantitativo di pannolini necessari. Nonostante ciò si può tentare una stima. Se calcoliamo che in media ogni bambino, nei suoi primi tre anni di vita, utilizza circa 6.000 pannolini monouso, possiamo stimare una spesa in pannolini usa e getta che varia tra i 1200-1500€.
D’altro canto, 20-30 pannolini lavabili sono nella maggior parte dei casi sufficienti ad una famiglia con un bambino in età da pannolino. La spesa per il loro acquisto varia per marca e modello, ma ci si aggira intorno ad un totale che oscilla tra i 400-700€.
Il risparmio economico derivante all’uso dei lavabili è, in ogni caso, innegabile.

Per chi vuole conoscere meglio Camilla e il suo laboratorio sostenibile

www.laboratoriosostenibile.it

Instagram
Facebook