Se si trattasse semplicemente di un passaggio di vestiti già utilizzati da una persona ad un’altra, forse non servirebbe parlarne oltre. Ma di fatto gli swap party – pomeriggi o serate in cui scambiare i propri vestiti e accessori non più in uso con quelli degli altri partecipanti – sono molto più di questo.

“Usano” le cose (nello specifico i vestiti, di cui siamo sommersi e spesso dipendenti) per rimettere al centro le persone; non è richiesta una quota di partecipazione (quindi niente soldi di mezzo a sporcare i passaggi o deformare i giudizi) e il valore dei capi scambiati non è stabilito a monte ma lasciato alla valutazione del singolo (quindi priorità alle proprie esigenze piuttosto che alla quotazione delle marche).

Gli swap party quindi – che per fortuna si stanno diffondendo sempre di più sia nelle grandi città che nei piccoli centri – sono davvero qualcosa di potente!
Attivatevi dunque: cercate in rete, documentatevi, iscrivetevi…e preparatevi con questo nostro speciale “decalogo dello swap party perfetto”, da assimilare e da diffondere!

Ecco le dieci regole per uno swap party perfetto

1) Analizza criticamente il tuo armadio. Apri ante, cassetti e scatole e passa in rassegna tutto quello che hai accumulato. Prenditi il giusto tempo per questa operazione e non scoraggiarti. Alla fine avrai le idee chiare su quello di cui puoi fare a meno!

2) Scegli quello che vorresti che le altre scegliessero per te. Cosa ti piacerebbe trovare al tuo swap party ideale? Secondo noi capi e oggetti integri, puliti e – meraviglia delle meraviglie – stirati e ancora profumati di detersivo. Vero??

3) Seleziona solo abiti e accessori di stagione. Meglio infatti concentrarsi su quello che sarà possibile sfruttare immediatamente.

4) Se hai da scartare abiti di taglie diverse…sposa la varietà! Agli swap party, per definizione, ci si ritrova a condividere le eccedenze degli armadi con persone sconosciute. Meglio quindi, se possibile, portare capi di taglie diverse per accontentare tutti (tanto è assodato che la formula del “lo tengo per quando sarò più magra” non funziona)!

5) Nel preparare la borsa con le cose che hai scelto (un consiglio: non più di 10 tra capi e accessori), riguardale e pensa ai ricordi belli che ti legano a loro. Per chi condividerà la serata con te sarà un piacere ascoltarli, e adottare anche i ricordi insieme ai capi!

6) Nel preparare la borsa con le cose che hai scelto, infilaci dentro anche un sacchetto di scorta. Non è escluso che le cose che porterai a casa siano più voluminose di quelle da cui hai deciso di separarti.

7) Nel preparare la borsa con le cose che hai scelto, pensa a cosa potrebbe servirti…e pensa anche a quello da cui non devi farti tentare! L’analisi critica dell’armadio fatta durante la preparazione si rivelerà molto utile da questo punto di vista.

8) Per il party vestiti comoda…può essere – anzi, ci si augura che sia così – che tu debba provare diverse cose.

9) Al party troverai, quasi certamente, persone anche molto diverse da te. Quindi approfittane! Se hai bisogno di consigli su tessuti, accessori o abbinamenti…porta quello che ti serve e chiedi tutti i pareri che vuoi!

10) Swappare significa condividere storie di vestiti che, per un pezzo più o meno lungo del nostro percorso, ci hanno tenuto compagnia. Gli swap party – quelli belli – sono soprattutto questo: relazione, conoscenza, esperienza. Mettiti in ascolto e fai tesoro di tutto quello che le tue orecchie intercetteranno!

Bene, ti abbiamo convinta? Ora non devi far altro che cercare lo swap più vicino a te!

Per saperne di più su queste 10 regole per uno swap party perfetto o per avere qualche dritta su come organizzarne uno nella tua città, scrivi a: info@lantina.it